23. Soldi pubblici o privati? (Parte III: La Roma-Lido)

Una immagine della ferrovia Roma-LidoD: Ho letto di fondi della Regione Lazio destinati al potenziamento della ferrovia Roma-Lido. Ma non toccava al proponente farsi carico del piano trasportistico?

R: Gli interventi annunciati dalla Regione Lazio non sono in alcun modo collegati alla realizzazione dello Stadio della Roma poiché già previsti quasi 10 anni fa[1], seppur mai ultimati a causa della mancanza di fondi.

Il tweet di Zingaretti dove si preannuncia lo stanziamento di fondi per il potenziamento della Roma-Lido e l'acquisto di nuovi treni

Il tweet nel quale Nicola Zingaretti annuncia lo stanziamento di fondi per l’ammodernamento della Roma-Lido

La delibera di pubblico interesse del 22 dicembre 2014, infatti, proprio in previsione dei suddetti interventi a carico della Regione Lazio[2] [cui appartiene la titolarità della ferrovia, ndr], che consentiranno alla Roma-Lido di raggiungere finalmente l’obiettivo dei 14.400 passeggeri all’ora fissato dal piano triennale elaborato nel 2007, suggeriva la realizzazione, a carico del proponente, di una diramazione della Metro B dalla stazione Magliana a quella di Tor di Valle, il cui potenziale di 19.200 passeggeri, in aggiunta a quello già citato della Roma-Lido post-ammodernamento, avrebbe permesso di soddisfare il vincolo che impone di garantire, ad almeno il 50% degli spettatori, il raggiungimento dell’impianto tramite ferro[3].

Tuttavia, a seguito della necessità di assumere e risolvere le analisi e le osservazioni formulate dal Dipartimento Mobilità[4], la stessa delibera demandava alla Conferenza dei Servizi decisoria la possibilità di individuare un piano trasportistico alternativo, con ciò prevedendo, fra le altre, l’ipotesi di destinare tutti o parte dei 50,45mln stanziati dal proponente per la realizzazione della diramazione della Metro B e della nuova stazione di Tor di Valle ad altre opere ritenute di interesse generale come, ad esempio, il potenziamento della Roma-Lido, o di diminuire la SUL a compensazione[6] qualora si ravvisasse la mancata necessità di impiego (totale o parziale)  del suddetto importo.

Proprio l’ipotesi di potenziamento della Roma-Lido è da subito l’opzione considerata preferenziale dal Dipartimento della Mobilità come confermato via Twitter, a queste stesse pagine, dal neo Presidente della Commissione Mobilità, Enrico Stefàno: Il tweet di Enrico Stefàno indirizzo a @SdR_FAQ nel quale preannuncia l'intenzione di destinare i fondi previsti per la diramazione della Metro B al potenziamento della Roma-Lido

A seguito della ridefinizione del pubblico interesse contenuta nella delibera di giunta del 6 giugno 2017 [cfr FAQ n.18], tale orientamento si concretizza attraverso la destinazione, quale contributo economico per la Roma-Lido, di 36mln di euro del contributo al costo di costruzione, con ciò configurando un minor investimento, rispetto a quanto previsto dalla delibera n.132/2014, di circa 15mln ma, allo stesso tempo, l’abbattimento di una quota di SUL compensativa.

Allo Stadio della Roma, dunque, è possibile imputare “soltanto” il merito di aver contribuito a rendere improcrastinabile quanto rimasto inottemperato per anni benché necessario, come ammesso, del resto, dalla stessa Regione Lazio in sede di Conferenza dei Servizi esterna[5].

Ultimo aggiornamento: 9 giugno 2017

Fonte [1]: A questo indirizzo è disponibile il comunicato emesso in data 8 marzo 2007 relativo al piano di potenziamento triennale firmato da Regione Lazio, Comune di Roma, ATAC e Metro: http://www.comune.roma.it/pcr/it/newsview.page?contentId=NEW108245
A questo indirizzo, invece, è disponibile il comunicato emesso in data 23 novembre 2007 nel quale viene aggiornato il cronoprogramma e si forniscono ulteriori dettagli tecnici ed economici del piano di ammodernamento: http://www.comune.roma.it/pcr/it/newsview.page?contentId=NEW148324
Fonte [2]: http://www.urbanistica.comune.roma.it/images/dipartimento/delibere/dac-2014-132.pdf (pagina 7 punto a))
Fonte [3]: http://www.urbanistica.comune.roma.it/images/dipartimento/delibere/dac-2014-132.pdf (pagina 9 punto 3)
Fonte [4]: http://www.urbanistica.comune.roma.it/images/dipartimento/delibere/dac-2014-132.pdf (pagina 7 punto a.)
Fonte [5]: http://www.urbanistica.comune.roma.it/images/dipartimento/delibere/dac-2014-132.pdf (pagina 7 terzultimo paragrafo)
Fonte [6]: http://www.urbanistica.comune.roma.it/images/dipartimento/delibere/dac-2014-132.pdf (pagina 17 ultimo periodo)


Hanno collaborato:
Andrea Longobardo (@FlyingAndrew91), ricerca documentale

 

Annunci