24. Tor di Valle (Parte I bis: Il rischio idrogeologico)

Immagine di una idrovora in funzioneD: Se non esiste un rischio di esondazione del Tevere, perché nel progetto è prevista una idrovora a carico del pubblico?

R: L’impermeabilizzazione del suolo è uno degli effetti più evidenti dei processi di urbanizzazione. Quando porzioni di territorio vegetato con superficie permeabile vengono sostituite da superfici impermeabili, si assiste ad una alterazione delle capacità naturali dell’area soggetta a trasformazione di lasciar infiltrare le acque bianche [le acque non ritenute nocive per la salute pubblica, ad es. quelle meteoriche, ndr] e di restituirne gradualmente i volumi in eccesso. La raccolta dei deflussi derivanti da tali superfici, la loro canalizzazione e, in ultimo, lo scarico nel corpo idrico recettore più vicino divengono, pertanto, essenziali per ripristinare le condizioni di sicurezza territoriale ed evitare che il processo di trasformazione comporti un aggravio del rischio idraulico.

Questo principio viene comunemente definito «invarianza idraulica». L’Autorità di Bacino stabilisce le linee guida e le misure compensative da adottare in fase di progettazione affinché tale invarianza possa essere correttamente conseguita[1].

Nel caso dello Stadio della Roma, il corpo idrico recettore più vicino è rappresentato, naturalmente, dal fiume Tevere. Tuttavia, poiché i suoi argini risultano sopraelevati rispetto al terreno[3], non è possibile scaricarvi le acque bianche sfruttando semplicemente la forza di gravità, come invece accade in altre aree della città. Ciò rende necessario l’utilizzo di una particolare pompa, idrovora per l’appunto, in grado di sollevarle dal livello del terreno fin oltre quello dei suddetti argini.

L’idrovora in questione, dunque, non è destinata a fronteggiare un’eventuale esondazione del Tevere, ipotesi peraltro esclusa dalla stessa Autorità di Bacino [cfr. FAQ n.8], ma a garantire l’invarianza idraulica dell’area[2].

Inoltre, trattandosi di un’opera di urbanizzazione primaria strettamente collegata alla fruizione dell’impianto, la sua realizzazione non comporterà alcun esborso pubblico, sia esso monetario che sotto forma di SUL compensativa [cfr. FAQ n.18]. Non a caso, il relativo progetto definitivo è elencato, nel portale dedicato dalla Regione Lazio al progetto 1.0 [cfr. FAQ n.20], fra le opere pubbliche [a carico del privato, ndr] non soggette a compensazione.

Ultimo aggiornamento: 9 giugno 2017

Fonte [1]: http://www.abtevere.it/sites/default/files/datisito/allegati_NTA_dic_2014.pdf (Capitolo “STUDIO INVARIANZA IDRAULICA – Aspetti di dettaglio ed operativi”, pp. 31-43)
Fonte [2]: http://www.regione.lazio.it/rl/wp-content/uploads/stadio-roma-doc/A_ RELAZIONE GENERALE/A – Relazione Descrittiva/A0.TDV_Relazione Descrittiva.pdf (pagina 44)
Fonte [3]: http://www.regione.lazio.it/rl/wp-content/uploads/stadio-roma-doc/C_ OPERE PUBBLICHE/2. OPERE STANDARD/16_SMALTIMENTO ACQUE IDROVORE/16_GENERALE/TDV_PD_U_IDV_00_AR_9010_0102_00_+008,00_GHY_00.pdf


Hanno collaborato:
Andrea Longobardo (@FlyingAndrew91), ricerca documentale